L'UE E I PAESI IN VIA DI SVILUPPO




La cooperazione con Paesi terzi

Nell’ambito della cooperazione con i Paesi terzi, un settore importante è rappresentato dalla cooperazione con i Paesi in via di sviluppo. Obiettivo dell’azione europea è la riduzione e l’eliminazione della povertà.

Le misure necessarie per l’attuazione di questa politica sono prese dal Consiglio tramite procedura di codecisione e concernono l’istituzione di programmi pluriennali di aiuto o programmi tematici. Ciò non impedisce ai singoli Stati di negoziare autonomamente accordi internazionali, dovendosi però ricercare in questo caso forme di coordinamento con le Istituzioni europee.

Per quanto concerne la cooperazione economica, finanziaria e tecnica, la disciplina di questa materia non si discosta da quanto sopra detto.

Al contrario, la disciplina sull’aiuto umanitario è stata dotata di una base giuridica autonoma col Trattato di Lisbona.
In questo ambito, è prevista l’assistenza dell’UE per quei Paesi colpiti da calamità naturali o eventi imprevisti, cui devono essere prestate assistenza, soccorso e protezione. La Commissione gestisce il coordinamento tra le politiche europee, quelle intraprese dai singoli Stati, e le iniziative attuate dalle Organizzazioni Internazionali. È, infine, prevista l’istituzione di un corpo volontario europeo di aiuto umanitario.




Share Box