ATTACCO A CHARLIE HEBDO: UN NUOVO IMPULSO ALLA LOTTA AL TERRORISMO DA PARTE DELL'UE




La mattina del 7 Gennaio 2015, nella sede parigina del periodico settimanale satirico francese Charlie Hebdo, tre uomini armati di kalashnikov hanno messo a segno un terribile attacco terroristico, costato la vita a 20 persone (17 civili e 3 terroristi), di cui 12 nella redazione di Charlie Hebdo e dintorni, una nel comune limitrofo di Montrouge, quattro in un supermercato della catena Hypercacher.

L'attentato terroristico di Charlie Hebdo ha costituito, per ora, l'attacco con il maggior numero di vittime per la Francia dopo l'attentato multiplo del 13 novembre 2015 al teatro Bataclan, allo Stade de France e a tre ristoranti parigini del 13 novembre 2015, in cui sono morte 130 persone, la Strage di Nizza sulla Promenade des Anglais con 87 morti e 302 feriti del 14 luglio 2016 e precedentemente l'attentato a Vitry-Le-François datato 18 giugno 1961 per opera dell'Organisation armée secrète durante la guerra d'Algeria, che causò 28 morti.

Dopo l'attacco a "Charlie Hebdo" a Parigi e gli altri attentati, in tutta Europa si stanno organizzano manifestazioni di solidarietà. A livello europeo, si sono presi nuovi provvedimenti per combattere il terrorismo.

A questo proposito visita la sezione: “L’Unione Europea e la lotta al Terrorismo”:

http://youth4eu.it/?!c1/=/documenti/154/lunione-europea-e-la-lotta-al-terrorismo/

 marcia-parigi.jpg

11 gennaio 2015 – Marcia di Parigi. Almeno due milioni di persone insieme a molti leader europei e mondiali hanno marciato per le strade della capitale francese in solidarietà delle vittime della strage di Charlie Hebdo.

 je-suis-paris.jpg

Questa foto è stata scattata il 14 novembre 2015 a Strasburgo e rappresenta una delle tante manifestazioni di solidarietà seguite alla serie di attacchi terroristici a Parigi del 13 novembre. Foto di Frederick Florin / AFP / Getty Images

 




Share Box