JACQUES DELORS




Uomo politico francese (1925)

Membro del consiglio di direzione della Banca di Francia dal 1973 al 1979, dal 1974 aderì al Partito Socialista guidato da Mitterand, entrando nel comitato direttivo del partito nel 1979.

Sempre in quell’anno venne eletto al Parlamento Europeo durante le prime elezioni a suffragio universale. Si dimise nel 1981 poiché gli venne affidato il dicastero delle Finanze, (1981 al 1983), e in seguito quello del Bilancio (1983-1984).

Nel 1985 venne eletto Presidente della Commissione europea, incarico che mantenne fino al 1995. Assertore dell’unificazione economica europea, elaborò un piano che porta il proprio nome per accelerare l’integrazione monetaria dei paesi membri.

Durante il suo mandato venne, infatti, firmato il trattato di Schengen, l’ Atto Unico Europeo, il Trattato di Maastricht e fu realizzato il mercato unico.

Nel 1996 fondò il think tank Notre Europe, che presiedette fino al 2004; ed attualmente fa parte del suo consiglio direttivo. Nel 2007 collaborò alla realizzazione degli "Stati generali dell'Europa" a Lille. Nel 2010 sostenne la creazione del gruppo Spinelli, un movimento politico europeo che riunisce una serie di personalità politiche ed intellettuali desiderose di impegnarsi per rilanciare il processo di integrazione europea di cui è tuttora membro.

Nel 2004 Delors firmò una petizione per elaborare un "Trattato sull'Europa sociale", l'anno successivo sostenne l'approvazione della Costituzione Europea nel referendum francese, che però ebbe esito negativo. Nel 2007 si espresse a favore di una "Comunità europea dell'energia".




Share Box